home page

COME DIFENDERSI IN CASO DI ALLERGIA
AGLI ACARI DELLA POLVERE

Gli acari sono piccolissimi ragnetti invisibili a occhio nudo che in alcuni soggetti possono indurre allergia prevalentemente respiratoria. Vivono nella polvere di casa e pertanto sono presenti tutto l’anno, anche se si può rilevare la loro massima concentrazione nei mesi autunno-invernali, periodo di loro massima riproduzione.
Si nutrono della forfora che viene eliminata dal nostro corpo e si concentrano in particolar modo nel letto;
vivono meglio in ambiente caldo-umido (fra 15 e 30° C e con umidità di 70-90%)
e non sopravvivono sopra i 1500 m di altezza.
La migliore strategia preventiva è quindi quella di mirare a creare un ambiente non idoneo alla loro sopravvivenza,
in particolare nella camera del bambino.




ll materasso e il cuscino devono essere di materiale sintetico (lattice di gomma) e vanno ricoperti da coprimaterasso e copricuscino antiallergici.

Coperte e sovraccoperte vanno lavate spesso (ogni 1-2 settimane). Esposte frequentemente al sole e battute all’aria aperta (l’ideale sarebbe tutti i giorni…), specie d’inverno (il sole è un nemico degli acari e il freddo li uccide)

La biancheria del letto va cambiata e lavata a temperature superiori ai 60° ogni settimana

La camera da letto del bambino deve essere mantenuta asciutta (non usare umidificatori sui termosifoni) e ben aerata. Aprire le finestre nella camera e possibilmente in tutta la casa per almeno 20 minuti al giorno anche d’inverno e sempre durante le operazioni di pulizia

L’ arredo della camera deve essere semplice, con mobili lisci e forniti di piedi per potere eliminare la polvere da ogni angolo. I pavimenti in marmo, ceramica o legno. No alla moquette. Le pareti meglio se lavabili

E’ bene che non vi siano poltrone e divani imbottiti, tappeti (se presenti devono essere sintetici o di cotone e vanno lavati in lavatrice ogni settimana)

Preferire tende “a vetro” in cotone da lavare spesso

Se nella stanza ci sono altri letti anche questi devono essere trattati come indicato nei punti precedenti

Impedire al bimbo di saltare sul letto e giocare con i cuscini

In casa del bambino asmatico non devono esserci piumini e piume in genere, nemmeno nelle stanze da letto dei genitori o nei cuscini del salotto

Durante le pulizie si solleva polvere e occorre che il bambino sia lontano e che rientri dopo che la stanza è stata ben arieggiata. Usare preferibilmente un aspirapolvere dotato di un filtro ad acqua e di un filtro ad alta efficienza. L'aspirapolvere va riposto e tenuto lontano dal bambino. Per il resto delle pulizie usare uno straccio umido. Curare particolarmente i termosifoni ma non dimenticare periodicamente gli infissi sopra porte e finestre e il piano superiore degli armadi

Sostituire i giocattoli di peluche con altri che non raccolgono la polvere. (Se proprio il bimbo non si vuole distaccare dal suo peluche preferito lavarglielo spesso). Vanno bene i giocattoli in gomma, legno o metallo

Possibilmente eliminare libri e soprammobili che trattengono la polvere

Evitare le soffitte

Allontanare gli animali a pelo come cani, gatti, scoiattoli, criceti, topolini, uccelli. Si possono tenere tartarughe o pesci

Evitare irritanti come fumo di sigaretta, odori di vernice e colori, vapori di combustione da legna, odori di smacchiatori a secco

La temperatura del riscaldamento di casa non deve superare i 18-20° C. Evitare di asciugare la biancheria in casa per non aumentare l'umidità

Se vi sono condizionatori d’aria, utili sono i filtri che riducono la concentrazione di polvere, purché la manutenzione sia regolare. Utili pure i deumidificatori in condizioni di umidità elevata

© 2003, Dr.Stefano Gorini

Bibliografia essenziale
Immunologia Pediatrica, 1-4-81
Cavagni C, IL bambino e l'allergia, Sperling e Kupfer Ed.,1997

home page