home page

 

QUALI FARMACI TENERE IN CASA

I farmaci di pronto impiego che è necessario avere in casa se il bambino si ammala non sono molti e la loro azione deve essere indirizzata sui sintomi piuttosto che sulle cause della malattia.Se infatti occorre una cura specifica sarà la diagnosi del medico a stabilirlo.
Quindi cosa è bene tenere a portata di mano e quali farmaci invece vanno utilizzati solo se prescritti dal pediatra?


Farmaci da tenere nell’armadietto dei medicinali (farmaci che agiscono sui sintomi: si possono somministrare nel caso il bimbo presenti un sintomo disturbante, in attesa di mettersi in contatto con il pediatra)

Un farmaco antipiretico (in caso di febbre): il farmaco più usato è il paracetamolo. E’ bene tenere in casa sia un flacone di sciroppo o di gocce, sia una scatola di supposte: in caso di diarrea concomitante sarà preferibile somministrare il farmaco per bocca, in caso di vomito per via rettale.

Un sedativo della tosse: si può somministrare se la tosse è secca, fastidiosa e interferisce in modo particolare con il sonno. La tosse tuttavia è utile all’organismo, che così elimina le secrezioni dell’albero respiratorio, pertanto vale il principio di usare questo farmaco con parsimonia. Se la tosse è asmatica il calmante della tosse è controindicato.

Gocce per il raffreddore: soluzione fisiologica per effettuare lavaggi nasali, indicati specialmente per i bimbi piccoli che ancora non sanno soffiare il naso. Per i più grandi possono essere utilizzati anche farmaci vasocostrittori, al massimo per 4-5 giorni e solo in fase acuta. “Aprono” il naso chiuso e, somministrati prima di dormire, possono favorire il riposo notturno.

Un farmaco antivomito: il vomito è un sintomo che accompagna diverse malattie. Di solito, essendo determinato da cause per lo più banali, esso tende a cessare spontaneamente. Se non passa, la somministrazione di una dose di domperidone (è il farmaco con minori effetti collaterali) può essere di aiuto.
 

Farmaci da non tenere nell’armadietto (farmaci ad azione curativa: presuppongono la formulazione di una diagnosi di malattia e il loro utilizzo verrà quindi sempre dopo la valutazione del medico).
Qui naturalmente vengono solo considerate le medicine che più spesso i genitori utilizzano, sbagliando, senza sentire il parere del pediatra.

Antibiotici: agiscono solo in presenza di una malattia batterica. In pediatria la maggior parte delle malattie è di origine virale e anche i virus possono dare febbre alta, il genitore deve resistere perciò alla tentazione di somministrare autonomamente l’antibiotico se il bambino ha la febbre, pensando in tal modo di proteggerlo.

Corticosteroidi per aerosol: vi è una tendenza fra le mamme ad usare questi farmaci in corso di banali malattie da raffreddamento pensando che somministrati per aerosol siano sempre utili e innocui. Non è così: l’utilità si è dimostrata solo per alcune condizioni patologiche e gli effetti collaterali, legati per lo più a dosi eccessive del farmaco, ma non solo, possono essere tutt’altro che irrilevanti.

Antinfiammatori: non incidono sulla guarigione né prevengono eventuali peggioramenti in caso di raffreddore, mal di gola, tosse ecc. In particolare non va usata mai l'aspirina nei bambini, a meno che non venga prescritta dal pediatra: può causare gravi complicazioni a carico del fegato e del cervello.

Gocce per le orecchie: per il male all’orecchio meglio somministrare paracetamolo (possiede anche azione antidolorifica). Se vi è una perforazione della membrana del timpano, cosa che accade abbastanza frequentemente nelle otiti acute, le gocce possono essere dannose.

Fermenti lattici: sono per lo più innocui e senza effetti collaterali, ma il loro uso nelle semplici forme diarroiche il più delle volte non ne modifica il decorso.

Mucolitici e fluidificanti delle secrezioni catarrali dell’albero respiratorio: trovano limitate indicazioni in caso di sindromi da raffreddamento.

Fra tutti i “peccati” commessi dai genitori questi ultimi due sono però da assolvere perché i più veniali...
 

© 2004, Dr.Stefano Gorini www.pediatriapratica.it


torna su
home page